Menu

Billions, la serie tv di Sky Atlantic sul mondo finanziario

06/07/2016 - Spettacolo
Billions, la serie tv di Sky Atlantic sul mondo finanziario

Damian Lewis e Paul Giamatti: è questa la coppia vincente su cui si concentra Billions serie tv targata Showtime ed in onda su Sky Atlantic dal 21 giugno scorso. Lewis è un volto noto del piccolo schermo, già vincente in Homeland nel ruolo di ex soldato-terrorista, mentre Giamatti è una pietra miliare del grande schermo, grazie alla presenza in vari titoli di successo come Donnie Brasco di Mike Newell, The Truman Show con Jim Carrey, Salvate il soldato Ryan di Steven Spielberg e molti altri. In Billions sono rispettivamente Bobby ‘Axe’ Axelrod, un miliardario azionista e Chuck Rhoades, un Procuratore distrettuale di New York.

Bobby ‘Axe’ Axelrod e Chuck Rhoades: i due protagonisti/antagonisti

Billions è una serie tv che si basa sul mondo dell’alta finanza, già portata agli allori da uno dei creatori, il giornalista Andrew Ross Sorkin, con il suo besteller Il crollo – Too big to fail. In questo nuovo format si è trovato al fianco di David Levien e Brian Koppelman, già duo noto per la sceneggiatura di Ocean’s Thirteen. Lo show vedrà in atto i due antagonisti Axe e Chuck in un’eterna caccia al gatto ed al topo e non senza complicazioni da parte di entrambi.

Prime fra tutte le rispettive mogli Lara, alias dell’attrice Malin Akerman, e Wendy, ovvero Maggie Siff. Quest’ultimo personaggio presenta una particolarità in più, dato che deve gestire una vita in bilico fra il matrimonio con Chuck e la professione di psicologa proprio presso la società di Axe.

Il copione non presenta nulla di inventato, grazie all’ispirazione libera alle vicende intercorse fra il Procuratore preet Bharara, conosciuto come ‘Il Crociato’ ed il miliardario Steven A. Cohen. I diversi personaggi sono stati studiati nei minimi dettagli e non si tratta di certo di ruoli facili, tanto che Lewis, dopo aver letto il romanzo di Sorkin, ha chiesto specificatamente che tipo di morale dovesse adottare per vestire i panni di Axe. La critica ha accolto con estrema positività la traccia, tanto da definire Billions una serie tv che unisce l’intrigo di House of Cards con l’alto rischio vissuto in Wolf of Wall Street.

Axe e Rhoades sono due facce della stessa medaglia?

Esistono molti validi motivi per dare uno sguardo a Billions, la serie tv di Sky Atlantic, e non solo per via della coppia vincente di Lewis e Giamatti o l’originalità con cui si svolgono le dinamiche della guerra fra questi due colossi.

I primi due episodi, intitolati “Giustizia e finanza” e “Conflitto d’interesse” catturano fin dai primi istanti l’attenzione dello spettatore. Si entra così non solo nel vivo della trama, ma si scopre anche uno dei particolari più intimi di Rhoades.

La scena è senza dubbio molto forte e viene ripresa anche nel finale della premiere, ma ciò che colpisce di più non è tanto la scoperta che il Procuratore sia dedito alle pratiche sadomaso, quanto il forte contrasto che ne deriva con il ruolo che occupa nella società. Anzi forse proprio quel potere agita un sottofondo di pressioni da liberare e parti da invertire, ma non senza rimanere all’interno di alcune precise regole.

L’apparenza di Axe e Chuck nasconde dei segreti

A guidare la sigaretta che viene bruciata sulla pelle di Rhoades è infatti la moglie Wendy e non una professionista del settore come si potrebbe pensare o una donna con cui il Procuratore si accompagna nel momento del bisogno.

Anche questo particolare è in perfetto contrasto con ciò che agita invece l’animo di Axe. Il miliardario non ha alcuno scrupolo a gestire forti quantitativi di soldi ed affari, avvalendosi anche di numerosi collaboratori istruiti ad arte per fiutare le occasioni migliori.billions

Eppure anche tutto questo lato oscuro di Axe non potrebbe esistere senza il suo negativo, ovvero lo sfogo di impulsi all’acquisto dettati solo dal piacere della competizione. Inutile dire quindi con queste premesse come per entrambe le controparti il loro scontro non possa che soddisfare il più profondo appagamento.

L’eterna lotta fra bene e male

Il telespettatore non potrà che ritrovarsi incastrato in Billions: la serie tv ha conquistato subito i diritti per una seconda stagione. E non solo perché Axe incarna un po’ il sogno di tutti, il tenebroso miliardario osannato dal popolo, o perché è inevitabile in questa partita a scacchi prendere le sue difese contro il più antipatico Rhoades.

A tenere le fila dell’attenzione del pubblico è l’apparenza, ovvero le azioni dei due antagonisti che sono note e il piano diabolico che in realtà cercano di mettere in atto. Saranno diversi i momenti, anche nel secondo episodio, in cui lo spettatore potrebbe credere di aver capito quale dei due domini sull’altro, per poi cambiare idea nei due secondi successivi. Il tutto senza sapere che cosa stia accadendo in realtà.

Entrambi abilissimi manipolatori mentali, fino a che punto riusciranno a spingersi prima di rimanere vittima di se stessi? Axe e Rhoades dovranno superare molti limiti per portare dalla propria parte la vittoria e senza mai riuscirci davvero fino in fondo. Sia il miliardario che il Procuratore amano infatti anticipare la mossa dell’altro, ma tutto può cambiare nel giro di pochi pensieri.